Canto XXXI

Tu m'hai di servo tratto a libertate per tutte quelle vie, per tutt'i modi che di ciò fare avei la potestate.

Argomento del canto

Beati e angeli nella candida rosa – Scomparsa di Beatrice e preghiera di Dante a lei – San Bernardo


Verso la mezzanotte del 31 marzo (o 14 aprile).

La libertà viene da Beatrice

In forma dunque di candida rosa a Dante si presentano i santi, mentre gli angeli discendono in questo gran fiore e risalgono a Dio come schiera d’ape che ora s’infiora a succhiare il nettare e ora ritorna all’alveare a compiere il suo laboro. Gli angeli hanno le facce tutte di fiamma viva e l’ali d’oro. Il resto è bianco più della neve. L’interporsi tra Dio e ‘l fiore di tanta moltitudine volante non impedisce di vedere la penetrante luce divina che si distribuisce senza ostacolo per l’universo.

Questo gioioso regno del paradiso è tutto rivolto a Dio che, pur trino, appare come un’unica stella. Che Dio guardi giù alla tempesta che dobbiamo affrontare! Se i barbari si stupivano vedendo Roma e il Laterano, quanto stupore deve riempire ora Dante che è passato dalla dimensione umana a quella divina e da Fiorenza a un popolo giusto e sano come questo del cielo!

L’emozione gli rende gradito il silenzio. Mentre muove gli occhi per i gradini or sú, or giú, si sente quasi come un peregrin che, raggiunto il tempio del suo voto, già spera di raccontare la sua esperienza. Il suo sguardo abbraccia la forma general di paradiso, non ancora una parte specifica, quando si volge alla sua donna per domandare relativamente a un nuovo dubbio. Si attende Beatrice e vede un vecchio vestito come gli altri beati con, sul viso e negli occhi, la benigna e amorevole letizia come quella di un tenero padre. Subito Dante chiede: “Dov’è Beatrice?” e il vecchio: “Beatrice mi ha chiamato perché tu termini il cammino che desideri: se riguardi su nel terzo giro dall’alto, la rivedrai nel trono che le assegnarono i suoi meriti”. Sanza risponder, Dante solleva gli occhi e la vede incoronata dagli etterni raggi. È lontanissima alla vista più di quanto si possa immaginare in terra, ma la vede nitidamente.

O donna che dai vigore alla mia speranza e che per la mia salvezza hai sopportato di venire in inferno, riconosco la grazia di tanta esperienza che mi è stata concessa dalla tua potete bontà. Tu m’hai tratto alla libertà dalla schiavitù per tutte quelle vie che erano in tuo potere. Custodisci in me la tua magnificenza sì che l’anima mia rimanga in tale stato fino alla morte”. Così prega Dante e lei, così lontana come appare, gli sorride, lo guarda ancora e poi ritorna all’etterna fontana dell’essere.

Il santo vecchio dice a Dante che, per portare a compimento perfettamente il suo cammino, deve volare con lo sguardo per questo giardino che è il paradiso. La regina del cielo, la Vergine, del cui amor lui arde tutto, gli darà ogne grazia. Il vecchio che ha di fronte -si presenta lui stesso- è Bernardo di Chiaravalle, molto devoto alla Vergine. Dante, di fronte al vivace amore di Bernardo che, già in questo mondo, contemplando, gustò la pace del paradiso, prova stupore, gioia e smarrimento.

Bernardo, chiamandolo figliuolo della grazia, lo invita a guardare in alto la regina a cui questo regno è suddito e devoto e che si trova in una zona di luce illuminata come l’oriente all’alba con attorno più di mille angeli festanti in giochi e canti che, con il riso della loro bellezza, trasmettono letiziaa tutti li altri santi. Lo spettacolo è indescrivibile! ComeBernardo vede gli occhi di Dante attenti a Maria, si volge a lei con tanto affetto da rendere Dante ancora più ardente di contemplarla.

Canto integrale

In forma dunque di candida rosa

mi si mostrava la milizia santa

che nel suo sangue Cristo fece sposa;


ma l'altra, che volando vede e canta

la gloria di colui che la 'nnamora

e la bontà che la fece cotanta,


sì come schiera d'ape, che s'infiora

una fiata e una si ritorna

là dove suo laboro s'insapora,


nel gran fior discendeva che s'addorna

di tante foglie, e quindi risaliva

là dove 'l suo amor sempre soggiorna.


Le facce tutte avean di fiamma viva,

e l'ali d'oro, e l'altro tanto bianco,

che nulla neve a quel termine arriva.


Quando scendean nel fior, di banco in banco

porgevan de la pace e de l'ardore

ch'elli acquistavan ventilando il fianco.


Né l'interporsi tra 'l disopra e 'l fiore

di tanta moltitudine volante

impediva la vista e lo splendore:


ché la luce divina è penetrante

per l'universo secondo ch'è degno,

sì che nulla le puote essere ostante.


Questo sicuro e gaudioso regno,

frequente in gente antica e in novella,

viso e amore avea tutto ad un segno.


O trina luce, che 'n unica stella

scintillando a lor vista, sì li appaga!

guarda qua giuso a la nostra procella!


Se i barbari, venendo da tal plaga

che ciascun giorno d'Elice si cuopra,

rotante col suo figlio ond'ella è vaga,


veggendo Roma e l'ardua sua opra,

stupefaciensi, quando Laterano

a le cose mortali andò di sopra;


io, che al divino da l'umano,

a l'etterno dal tempo era venuto,

e di Fiorenza in popol giusto e sano


di che stupor dovea esser compiuto!

Certo tra esso e 'l gaudio mi facea

libito non udire e starmi muto.


E quasi peregrin che si ricrea

nel tempio del suo voto riguardando,

e spera già ridir com'ello stea,


su per la viva luce passeggiando,

menava io li occhi per li gradi,

mo sù, mo giù e mo recirculando.


Vedea visi a carità suadi,

d'altrui lume fregiati e di suo riso,

e atti ornati di tutte onestadi.


La forma general di paradiso

già tutta mio sguardo avea compresa,

in nulla parte ancor fermato fiso;


e volgeami con voglia riaccesa

per domandar la mia donna di cose

di che la mente mia era sospesa.


Uno intendea, e altro mi rispuose:

credea veder Beatrice e vidi un sene

vestito con le genti gloriose.


Diffuso era per li occhi e per le gene

di benigna letizia, in atto pio

quale a tenero padre si convene.


E «Ov'è ella?», sùbito diss'io.

Ond'elli: «A terminar lo tuo disiro

mosse Beatrice me del loco mio;


e se riguardi sù nel terzo giro

dal sommo grado, tu la rivedrai

nel trono che suoi merti le sortiro».


Sanza risponder, li occhi sù levai,

e vidi lei che si facea corona

reflettendo da sé li etterni rai.


Da quella region che più sù tona

occhio mortale alcun tanto non dista,

qualunque in mare più giù s'abbandona,


quanto lì da Beatrice la mia vista;

ma nulla mi facea, ché sua effige

non discendea a me per mezzo mista.


«O donna in cui la mia speranza vige,

e che soffristi per la mia salute

in inferno lasciar le tue vestige,


di tante cose quant'i' ho vedute,

dal tuo podere e da la tua bontate

riconosco la grazia e la virtute.


Tu m'hai di servo tratto a libertate

per tutte quelle vie, per tutt'i modi

che di ciò fare avei la potestate.


La tua magnificenza in me custodi,

sì che l'anima mia, che fatt'hai sana,

piacente a te dal corpo si disnodi».


Così orai; e quella, sì lontana

come parea, sorrise e riguardommi;

poi si tornò a l'etterna fontana.


E 'l santo sene: «Acciò che tu assommi

perfettamente», disse, «il tuo cammino,

a che priego e amor santo mandommi,


vola con li occhi per questo giardino;

ché veder lui t'acconcerà lo sguardo

più al montar per lo raggio divino.


E la regina del cielo, ond'io ardo

tutto d'amor, ne farà ogne grazia,

però ch'i' sono il suo fedel Bernardo».


Qual è colui che forse di Croazia

viene a veder la Veronica nostra,

che per l'antica fame non sen sazia,


ma dice nel pensier, fin che si mostra:

'Segnor mio Iesù Cristo, Dio verace,

or fu sì fatta la sembianza vostra?';


tal era io mirando la vivace

carità di colui che 'n questo mondo,

contemplando, gustò di quella pace.


«Figliuol di grazia, quest'esser giocondo»,

cominciò elli, «non ti sarà noto,

tenendo li occhi pur qua giù al fondo;


ma guarda i cerchi infino al più remoto,

tanto che veggi seder la regina

cui questo regno è suddito e devoto».


Io levai li occhi; e come da mattina

la parte oriental de l'orizzonte

soverchia quella dove 'l sol declina,


così, quasi di valle andando a monte

con li occhi, vidi parte ne lo stremo

vincer di lume tutta l'altra fronte.


E come quivi ove s'aspetta il temo

che mal guidò Fetonte, più s'infiamma,

e quinci e quindi il lume si fa scemo,


così quella pacifica oriafiamma

nel mezzo s'avvivava, e d'ogne parte

per igual modo allentava la fiamma;


e a quel mezzo, con le penne sparte,

vid'io più di mille angeli festanti,

ciascun distinto di fulgore e d'arte.


Vidi a lor giochi quivi e a lor canti

ridere una bellezza, che letizia

era ne li occhi a tutti li altri santi;


e s'io avessi in dir tanta divizia

quanta ad imaginar, non ardirei

lo minimo tentar di sua delizia.


Bernardo, come vide li occhi miei

nel caldo suo caler fissi e attenti,

li suoi con tanto affetto volse a lei,


che ' miei di rimirar fé più ardenti.

I nostri Mecenate

SicComeDante è un progetto gestito dall'Associazione Culturale inPrimis - APS. Se vuoi sostenere questo progetto, puoi fare una donazione e, a seconda dell'importo, sarai pubblicato tra i nostri Mecenate accanto al tuo canto, terzina o verso preferito. Scopri di più o dona ora.

Mecenate del Canto XXXI

Vuoi sostenere SicComeDante?
Diventa Mecenate

Mecenate della terzina

Diventa Mecenate

Mecenate del verso

Diventa Mecenate