Canto XII

A noi venìa la creatura bella, biancovestito e ne la faccia quale par tremolando mattutina stella.

Argomento del canto

Esortazione di Virgilio a procedere speditamente - Bassorilievi educativi: scene di superbia punita – L’angelo dell’umiltà – Salita alla seconda cornice


Circa mezzogiorno di lunedì 28 marzo (o 11 aprile).

Più leggeri

Come buoi che vanno insieme al giogo, Dante cammina chinato con l’anima di Oderisi fin che Virgilio, il dolce pedagogo, gli fa fretta e lo induce a tornare dritto. Segue volontieri i passi leggieri del suo maestro che lo invita a guardare in giúe per procedere più sicuro, ma forse anche per vedere, sul duro pavimento della cornice, sculture in bassorilievo tipo quelle che sulle tombe a terra servono per ricordare i sepolti, ma con qualità artistica di gran lunga migliore.

Dante vede tredici scene che raccontano episodi biblici e mitologici di superbia punita. La prima racconta la cacciata di Lucifero e l’ultima la cenere di Troia. Ogni episodio è concentrato in una terzina come in una formella. Al lettore balza all’occhio che il primo gruppo di quattro terzine inizia sempre con la lettera che nel medioevo si leggeva U, quello del secondo gruppo di altrettante quattro terzine con la lettera O e quello del terzo gruppo sempre di quattro terzine con la lettera M. Le tre lettere in successione danno origine alla parola UOM, uomo, creatura superba col viso altero. L’arte con cui sono rappresentate le tredici scene è mirabile: chi le vide, non le vide meglio di Dante che chinato le calpesta. È un’arte più vera del reale!

Il tempo passa più veloce di quanto Dante si renda conto -è già mezzogiorno- e Virgilio lo ammonisce di drizzare la testa e smetterla di rimanere assorto. C’è un angelo che s’appresta e bisogna mostragli reverenza. Dante è abituato agli inviti di Virgilio di non perder tempo: ogni giorno è unico e non tornerà più!

L’angelo, la creatura bella, bianco vestita, ne la faccia come la stella mattutina che trema, apre le braccia e l’ale: “Venite, qui ci sono gli scalini e agevolmente omai si sale”. Li conduce dove la roccia è tagliata e batte l’ali per la fronte a Dante. Come le scalee che conducono a San Miniato a Firenze, città ben guidata, attenuano la salita, così qui per salire all’altro girone il passaggio si fa meno erto, chiuso tra alta pietra da una parte e dall’altra.

Arrivati in questo secondo girone sentono cantare in latino “Beati i poveri di spirito” con voci che non si possono descrivere a parole. Come sono diversi questi ingressi da quelli infernali: quivi canti, là giù lamenti feroci! A Dante, per di più, sembra di fare meno fatica ora che sale di quando era per lo pian dell’Antipurgatorio. Chiede allora al maestro qual cosa pesante gli sia stata levata. Quando gli saranno del tutto rase le P dal suo volto -spiega Virgilio- salire sarà addirittura un piacere. Ora gli è stata tolta dall’angelo la prima P.

Dante si ritrova come coloro che, inconsapevoli di avere sul capo qualcosa se non per i cenni altrui che li fanno sospettare, s’aiutano con la mano per accertarsene senza vedere: con le dita de la destra trova solo sei delle lettere incise dall’angelo portinaio sovra le sue tempie. Virgilio lo guarda e sorride.

Testo del canto

Di pari, come buoi che vanno a giogo,

m'andava io con quell'anima carca,

fin che 'l sofferse il dolce pedagogo.


Ma quando disse: «Lascia lui e varca;

ché qui è buono con l'ali e coi remi,

quantunque può, ciascun pinger sua barca»;


dritto sì come andar vuolsi rife'mi

con la persona, avvegna che i pensieri

mi rimanessero e chinati e scemi.


Io m'era mosso, e seguia volontieri

del mio maestro i passi, e amendue

già mostravam com'eravam leggeri;


ed el mi disse: «Volgi li occhi in giùe:

buon ti sarà, per tranquillar la via,

veder lo letto de le piante tue».


Come, perché di lor memoria sia,

sovra i sepolti le tombe terragne

portan segnato quel ch'elli eran pria,


onde lì molte volte si ripiagne

per la puntura de la rimembranza,

che solo a' pii dà de le calcagne;


sì vid'io lì, ma di miglior sembianza

secondo l'artificio, figurato

quanto per via di fuor del monte avanza.


Vedea colui che fu nobil creato

più ch'altra creatura, giù dal cielo

folgoreggiando scender, da l'un lato.


Vedea Briareo, fitto dal telo

celestial giacer, da l'altra parte,

grave a la terra per lo mortal gelo.


Vedea Timbreo, vedea Pallade e Marte,

armati ancora, intorno al padre loro,

mirar le membra d'i Giganti sparte.


Vedea Nembròt a piè del gran lavoro

quasi smarrito, e riguardar le genti

che 'n Sennaàr con lui superbi fuoro.


O Niobè, con che occhi dolenti

vedea io te segnata in su la strada,

tra sette e sette tuoi figliuoli spenti!


O Saùl, come in su la propria spada

quivi parevi morto in Gelboè,

che poi non sentì pioggia né rugiada!


O folle Aragne, sì vedea io te

già mezza ragna, trista in su li stracci

de l'opera che mal per te si fé.


O Roboàm, già non par che minacci

quivi 'l tuo segno; ma pien di spavento

nel porta un carro, sanza ch'altri il cacci.


Mostrava ancor lo duro pavimento

come Almeon a sua madre fé caro

parer lo sventurato addornamento.


Mostrava come i figli si gittaro

sovra Sennacherìb dentro dal tempio,

e come, morto lui, quivi il lasciaro.


Mostrava la ruina e 'l crudo scempio

che fé Tamiri, quando disse a Ciro:

«Sangue sitisti, e io di sangue t'empio».


Mostrava come in rotta si fuggiro

li Assiri, poi che fu morto Oloferne,

e anche le reliquie del martiro.


Vedeva Troia in cenere e in caverne;

o Ilión, come te basso e vile

mostrava il segno che lì si discerne!


Qual di pennel fu maestro o di stile

che ritraesse l'ombre e ' tratti ch'ivi

mirar farieno uno ingegno sottile?


Morti li morti e i vivi parean vivi:

non vide mei di me chi vide il vero,

quant'io calcai, fin che chinato givi.


Or superbite, e via col viso altero,

figliuoli d'Eva, e non chinate il volto

sì che veggiate il vostro mal sentero!


Più era già per noi del monte vòlto

e del cammin del sole assai più speso

che non stimava l'animo non sciolto,


quando colui che sempre innanzi atteso

andava, cominciò: «Drizza la testa;

non è più tempo di gir sì sospeso.


Vedi colà un angel che s'appresta

per venir verso noi; vedi che torna

dal servigio del dì l'ancella sesta.


Di reverenza il viso e li atti addorna,

sì che i diletti lo 'nviarci in suso;

pensa che questo dì mai non raggiorna!».


Io era ben del suo ammonir uso

pur di non perder tempo, sì che 'n quella

materia non potea parlarmi chiuso.


A noi venìa la creatura bella,

biancovestito e ne la faccia quale

par tremolando mattutina stella.


Le braccia aperse, e indi aperse l'ale;

disse: «Venite: qui son presso i gradi,

e agevolemente omai si sale.


A questo invito vegnon molto radi:

o gente umana, per volar sù nata,

perché a poco vento così cadi?».


Menocci ove la roccia era tagliata;

quivi mi batté l'ali per la fronte;

poi mi promise sicura l'andata.


Come a man destra, per salire al monte

dove siede la chiesa che soggioga

la ben guidata sopra Rubaconte,


si rompe del montar l'ardita foga

per le scalee che si fero ad etade

ch'era sicuro il quaderno e la doga;


così s'allenta la ripa che cade

quivi ben ratta da l'altro girone;

ma quinci e quindi l'alta pietra rade.


Noi volgendo ivi le nostre persone,

'Beati pauperes spiritu!' voci

cantaron sì, che nol diria sermone.


Ahi quanto son diverse quelle foci

da l'infernali! ché quivi per canti

s'entra, e là giù per lamenti feroci.


Già montavam su per li scaglion santi,

ed esser mi parea troppo più lieve

che per lo pian non mi parea davanti.


Ond'io: «Maestro, dì, qual cosa greve

levata s'è da me, che nulla quasi

per me fatica, andando, si riceve?».


Rispuose: «Quando i P che son rimasi

ancor nel volto tuo presso che stinti,

saranno, com'è l'un, del tutto rasi,


fier li tuoi piè dal buon voler sì vinti,

che non pur non fatica sentiranno,

ma fia diletto loro esser sù pinti».


Allor fec'io come color che vanno

con cosa in capo non da lor saputa,

se non che ' cenni altrui sospecciar fanno;


per che la mano ad accertar s'aiuta,

e cerca e truova e quello officio adempie

che non si può fornir per la veduta;


e con le dita de la destra scempie

trovai pur sei le lettere che 'ncise

quel da le chiavi a me sovra le tempie:


a che guardando, il mio duca sorrise.


I nostri Mecenate

SicComeDante è un progetto gestito dall'Associazione Culturale inPrimis - APS. Se vuoi sostenere questo progetto, puoi fare una donazione e, a seconda dell'importo, sarai pubblicato tra i nostri Mecenate accanto al tuo canto, terzina o verso preferito. Scopri di più o dona ora.

Mecenate del Canto XII

Vuoi sostenere SicComeDante?
Diventa Mecenate

Mecenate della terzina

Diventa Mecenate

Mecenate del verso

Diventa Mecenate