Canto XXIX

Lo spazio dentro a lor quattro contenne un carro, in su due rote, triunfale, ch'al collo d'un grifon tirato venne.

Argomento del canto

Il canto e la luce lungo il Letè – La processione.


Ore antimeridiane del 30 marzo (o 13 aprile)

Una processione spettacolare

Cantando come donna innamorata, lei conclude il suo discorso con un salmo che esalta coloro che sono perdonati. Si muove come le ninfe lungo la riva del fiume. Dante la segue in parallelo, accordando il suo passo al picciol passo di lei dall’altra parte del fiume, quando la donna tutta si torce a lui richiamando la sua attenzione a una luce che trascorre per la gran foresta. Non è un baleno perché dura e più e più splende: “Che cosa è?”. E una melodia dolce corre per l’aere luminoso. Se Eva avesse rispettato divota il velo posto da Dio alla conoscenza, Dante avrebbe goduto prima quelle ineffabili delizie presagio di etterno piacere.

Ecco che sotto i verdi rami l’aere si fa rosso quale un foco acceso e ‘l dolce suono è ora inteso come dei canti.

C’è bisogno dell’aiuto delle sacrosante Muse per mettere in versi queste forti cose: la distanza fa apparire a Dante sette alberi d’oro che sono in realtà candelabri fiammeggianti. Percepisce ne le voci cantare “osanna”. Si rivolge, pieno d’ammirazion, al buon Virgilio, anche lui non meno pieno di stupor, e poi ancora queste alte cose che si muovono lentamente verso di loro.

La donna lo rimprovera: “Perché non guardi ciò che vien di retro alle vive luci?”. Vede allora genti vestite di bianco e l’immagine del suo fianco sinistro specchiata nell’acqua. Si ferma per veder meglio: le fiammelle lasciano dietro a sé l’aere dipinto dei sette colori dell’arcobaleno. Sotto così bel ciel sfilano ventiquattro anziani, a due a due, coronati di fiordaliso che benedicono nel canto le bellezze femminili. Ai vecchi seguono quattro animali coronati di verde fronda e ciascuno pennuto di sei ali piene d’occhi. Sono animali già descritti da Ezechiel nella Bibbia e da Giovanni nell’Apocalissi e per questo il lettor dovrà qui accontentarsi di poche rime. Lo spazio tra questi animali è occupato da un carro triunfale su due ruote e tirato al collo d’un grifon, che è un leone con testa e ali di aquila. Le sue ale sono tese in alto tanto che non se ne vede la fine. Le sue  membra d’uccello sono d’oro e l’altre miste di bianco e vermiglio. Tre donne danzano in giro alla ruota destra: una è rossa fuoco, l’altra verde smeraldo e la terza bianca come neve fresca. Altre quattro a sinistra, vestite in porpora, anche loro ballano. A tutto questo gruppo si aggiungono due vecchi, diversi d’abito, ma pari nell’atteggiamento grave: l’uno è un medico e l’altro mostra una spada che fa paura. Poi Dante vede quattro dall’aspetto umile e di retro da tutti un vecchio solo che dorme con la faccia attenta. Questi ultimi sette sono vestiti di bianco come i primi anziani, ma attorno al capo hanno rose e altri fiori vermigli.

Quando il carro arriva di fronte a Dante si ode un tuon e quelle genti degne si fermano con i candelabri che hanno aperto la processione.

Testo del canto

Cantando come donna innamorata,

continuò col fin di sue parole:

'Beati quorum tecta sunt peccata!'.


E come ninfe che si givan sole

per le salvatiche ombre, disiando

qual di veder, qual di fuggir lo sole,


allor si mosse contra 'l fiume, andando

su per la riva; e io pari di lei,

picciol passo con picciol seguitando.


Non eran cento tra ' suoi passi e ' miei,

quando le ripe igualmente dier volta,

per modo ch'a levante mi rendei.


Né ancor fu così nostra via molta,

quando la donna tutta a me si torse,

dicendo: «Frate mio, guarda e ascolta».


Ed ecco un lustro sùbito trascorse

da tutte parti per la gran foresta,

tal che di balenar mi mise in forse.


Ma perché 'l balenar, come vien, resta,

e quel, durando, più e più splendeva,

nel mio pensier dicea: 'Che cosa è questa?'.


E una melodia dolce correva

per l'aere luminoso; onde buon zelo

mi fé riprender l'ardimento d'Eva,


che là dove ubidia la terra e 'l cielo,

femmina, sola e pur testé formata,

non sofferse di star sotto alcun velo;


sotto 'l qual se divota fosse stata,

avrei quelle ineffabili delizie

sentite prima e più lunga fiata.


Mentr'io m'andava tra tante primizie

de l'etterno piacer tutto sospeso,

e disioso ancora a più letizie,


dinanzi a noi, tal quale un foco acceso,

ci si fé l'aere sotto i verdi rami;

e 'l dolce suon per canti era già inteso.


O sacrosante Vergini, se fami,

freddi o vigilie mai per voi soffersi,

cagion mi sprona ch'io mercé vi chiami.


Or convien che Elicona per me versi,

e Uranìe m'aiuti col suo coro

forti cose a pensar mettere in versi.


Poco più oltre, sette alberi d'oro

falsava nel parere il lungo tratto

del mezzo ch'era ancor tra noi e loro;


ma quand'i' fui sì presso di lor fatto,

che l'obietto comun, che 'l senso inganna,

non perdea per distanza alcun suo atto,


la virtù ch'a ragion discorso ammanna,

sì com'elli eran candelabri apprese,

e ne le voci del cantare 'Osanna'.


Di sopra fiammeggiava il bello arnese

più chiaro assai che luna per sereno

di mezza notte nel suo mezzo mese.


Io mi rivolsi d'ammirazion pieno

al buon Virgilio, ed esso mi rispuose

con vista carca di stupor non meno.


Indi rendei l'aspetto a l'alte cose

che si movieno incontr'a noi sì tardi,

che foran vinte da novelle spose.


La donna mi sgridò: «Perché pur ardi

sì ne l'affetto de le vive luci,

e ciò che vien di retro a lor non guardi?».


Genti vid'io allor, come a lor duci,

venire appresso, vestite di bianco;

e tal candor di qua già mai non fuci.


L'acqua imprendea dal sinistro fianco,

e rendea me la mia sinistra costa,

s'io riguardava in lei, come specchio anco.


Quand'io da la mia riva ebbi tal posta,

che solo il fiume mi facea distante,

per veder meglio ai passi diedi sosta,


e vidi le fiammelle andar davante,

lasciando dietro a sé l'aere dipinto,

e di tratti pennelli avean sembiante;


sì che lì sopra rimanea distinto

di sette liste, tutte in quei colori

onde fa l'arco il Sole e Delia il cinto.


Questi ostendali in dietro eran maggiori

che la mia vista; e, quanto a mio avviso,

diece passi distavan quei di fori.


Sotto così bel ciel com'io diviso,

ventiquattro seniori, a due a due,

coronati venien di fiordaliso.


Tutti cantavan: «Benedicta tue

ne le figlie d'Adamo, e benedette

sieno in etterno le bellezze tue!».


Poscia che i fiori e l'altre fresche erbette

a rimpetto di me da l'altra sponda

libere fuor da quelle genti elette,


sì come luce luce in ciel seconda,

vennero appresso lor quattro animali,

coronati ciascun di verde fronda.


Ognuno era pennuto di sei ali;

le penne piene d'occhi; e li occhi d'Argo,

se fosser vivi, sarebber cotali.


A descriver lor forme più non spargo

rime, lettor; ch'altra spesa mi strigne,

tanto ch'a questa non posso esser largo;


ma leggi Ezechiel, che li dipigne

come li vide da la fredda parte

venir con vento e con nube e con igne;


e quali i troverai ne le sue carte,

tali eran quivi, salvo ch'a le penne

Giovanni è meco e da lui si diparte.


Lo spazio dentro a lor quattro contenne

un carro, in su due rote, triunfale,

ch'al collo d'un grifon tirato venne.


Esso tendeva in sù l'una e l'altra ale

tra la mezzana e le tre e tre liste,

sì ch'a nulla, fendendo, facea male.


Tanto salivan che non eran viste;

le membra d'oro avea quant'era uccello,

e bianche l'altre, di vermiglio miste.


Non che Roma di carro così bello

rallegrasse Affricano, o vero Augusto,

ma quel del Sol saria pover con ello;


quel del Sol che, sviando, fu combusto

per l'orazion de la Terra devota,

quando fu Giove arcanamente giusto.


Tre donne in giro da la destra rota

venian danzando; l'una tanto rossa

ch'a pena fora dentro al foco nota;


l'altr'era come se le carni e l'ossa

fossero state di smeraldo fatte;

la terza parea neve testé mossa;


e or parean da la bianca tratte,

or da la rossa; e dal canto di questa

l'altre toglien l'andare e tarde e ratte.


Da la sinistra quattro facean festa,

in porpore vestite, dietro al modo

d'una di lor ch'avea tre occhi in testa.


Appresso tutto il pertrattato nodo

vidi due vecchi in abito dispari,

ma pari in atto e onesto e sodo.


L'un si mostrava alcun de' famigliari

di quel sommo Ipocràte che natura

a li animali fé ch'ell'ha più cari;


mostrava l'altro la contraria cura

con una spada lucida e aguta,

tal che di qua dal rio mi fé paura.


Poi vidi quattro in umile paruta;

e di retro da tutti un vecchio solo

venir, dormendo, con la faccia arguta.


E questi sette col primaio stuolo

erano abituati, ma di gigli

dintorno al capo non facean brolo,


anzi di rose e d'altri fior vermigli;

giurato avria poco lontano aspetto

che tutti ardesser di sopra da' cigli.


E quando il carro a me fu a rimpetto,

un tuon s'udì, e quelle genti degne

parvero aver l'andar più interdetto,


fermandosi ivi con le prime insegne.



I nostri Mecenate

SicComeDante è un progetto gestito dall'Associazione Culturale inPrimis - APS. Se vuoi sostenere questo progetto, puoi fare una donazione e, a seconda dell'importo, sarai pubblicato tra i nostri Mecenate accanto al tuo canto, terzina o verso preferito. Scopri di più o dona ora.

Mecenate del Canto XXIX

Vuoi sostenere SicComeDante?
Diventa Mecenate

Mecenate della terzina

Diventa Mecenate

Mecenate del verso

Diventa Mecenate