Frittelle per Dante

Workshop

02/06/2020

Cosa si mangiava al tempo di Dante? Quali erano i prodotti impiegati per l’alimentazione, come erano organizzate le cucine,  qual era il galateo della tavola, chi poteva permettersi certi cibi e bevande e chi no? E, ancora, cosa avrebbe potuto gustare Dante nella sua vita quotidiana, nella sua casa fiorentina ma anche nelle sue tante dimore in esilio?

Ce lo racconta con simpatia e convivialità Matteo Cameli del ristorante Al vecchio convento di Portico di Romagna, chef raffinato e colto ma anche appassionato camminatore e scopritore di erbe e sapori naturali. Matteo Cameli durante la sua presentazione non tiene le sue mani in mano ma… nella pasta! Ecco quindi che da gesti e parole prende forma sotto i nostri occhi una frittella medievale, da gustare con intensità per rivivere un poco il Medioevo pensando, anzi, leggendo il nostro Dante.